Rimborso assicurazione cessione del quinto

Se hai appena rinegoziato oppure chiuso anticipatamente una cessione del quinto  probabilmente stai cercando di farti restituire il premio assicurativo pagato ma non goduto. Nella prima parte di questo articolo vogliamo mettere un po' di chiarezza in questa faccenda, già che online si trovano informazioni parziali e purtroppo non sempre esatte.

Nella seconda parte invece, analizzeremo quando conviene richiedere il premio assicurativo subito e quando invece conviene fare analizzare il proprio contratto di cessione del quinto per poi richiedere somme decisamente maggiori rispetto al solo premio assicurativo non goduto.

Partiamo dal dire che tutti i prestiti con cessioni del quinto o prestiti delega (prestiti la cui rata viene trattenuta dalla busta paga o dal cedolino di pensione),  deve essere corredato di  due tipi di coperture assicurative: una sulla vita e l'altra che copra il rischio di perdita dell' impiego.

  • Dette polizze vengono addebitate contemporaneamente al  contratto di cessione a eventuale garanzia dei rischi suddetti, per tutta la durata del prestito bancario. Però, in caso  si chiuda il finanziamento in anticipo,  oppure lo si rinnovi (rinegoziazione), al cliente spetterà il rimborso assicurazione cessione del quinto, in quanto decade il motivo per cui è stata stipulata la polizza e il premio cosiddetto “non goduto” dovrà essere rimborsato, anche senza che questi ne faccia formale richiesta . Molto spesso però, il “rimborso assicurazione della cessione del quinto” non viene effettuato.
  • Sottolineiamo che la rinegoziazione, così come l’estinzione anticipata della cessione del quinto è possibile, ai sensi dell’ 38 della legge 180 del 1950. Tuttavia, se il prestito con cessione del quinto prevede una durata di dieci anni, saremo obbligati a mantenerlo in essere  almeno quattro anni prima di poterlo rinegoziare. Invece per la chiusura anticipata saremo liberi di chiuderlo in qualsiasi momento.

 

assicurazione-prestitiTenendo a mente che la data di stipula di tali assicurazioni, coincide sempre con la data di firma del contratto di prestito, per la legge italiana dovremo distinguere i casi seguenti:

  • assicurazioni stipulate prima del 1/12/2010 , data prima della quale la legge non prevedeva alcun rimborso assicurazione cessione del quinto. Ma spiegheremo poi che non è detto che il rimborso non si possa ottenere comunque.
  • assicurazioni stipulate dopo  il    1/12/2010, poiché  da tale data, vige una norma che obbliga le compagnie di assicurazione a rimborsare l’ assicurazione della cessione del quinto, al cliente che ha estinto anticipatamente un prestito di qualunque tipo, la parte di premio (pagamento polizza ) non goduta. Purtroppo la stessa legge non indica le modalità di calcolo di tale rimborso, con il risultato che molti clienti non conoscono neppure questo loro diritto non sanno come farlo rispettare. E nei casi in cui ce stato un rimborso abbiamo notato come spesso questi siano a dir poco ridicoli rispetto al premio pagato.

 

Calcolo rimborso assicurazione cessione del quinto

 

A mettere ordine nella questione dei rimborsi  assicurazione cessione del quinto, arriva, nell’agosto 2015, la circolare IVASS (Istituto per la sorveglianza dell’operato delle Assicurazioni ).

Puoi leggere la circolare integrale al link:  https://www.ivass.it/consumatori/azioni-tutela/lettere-mercato/documenti/PPI_Misure_a_tutela_dei_clienti.pdf .

IVASS

 

 

 

 

 

 

Ma riassumiamo le principali indicazioni dell’Ivass:

  • Ipremi non goduti devono venire rimborsati in automatico, nei giorni immediatamente seguenti l'estinzione del prestito.
  • Nei contratti relativi ai prestiti bancari, saranno indicate esplicitamente, le prassi di calcolo della parte di premio non goduta e quindi da rimborsare. Altrettanto comprensibilmente verranno elencate quelle spese amministrative che non potranno essere rimborsate.
  • Infine, come più su preannunciato, tali regole saranno retroattive, applicabili quindi anche ai prestiti estinti prima del 1 dicembre 2010. Infatti non è stato posto alcun limite di anzianità ai contratti di cessione già estinti. Purtroppo, poiché in tal caso è raro che Compagnie Assicurative si curino volontariamente di operare il rimborso, sarà opportuno inviare , tramite PEC o Raccomandata, una domanda scritta.

Su questo argomento si è espresso anche l’Arbitrato di Banca D'Italia con diverse decisioni. Secondo cui devono essere rimborsati anche coloro la cui polizza assicurativa sia antecedente alla data del 01/12/2010. Ma c’è di più: in mancanza di chiare norme che già nel primo contratto indichino come eseguire il calcolo relativo al rimborso, esso sarà computato in modo direttamente  proporzionale al periodo di tempo intercorrente tra l’estinzione anticipata e quella prevista dal piano di ammortamento originario.

In caso dovesse accadere un rifiuto da parte della Assicurazione o un calcolo, o ricalcolo di rimborsi già ricevuti, insufficienti, si dovrà inoltrare, sempre alla Compagnia Assicurativa anche una  Lettera di Reclamo, nuovamente via PEC o Raccomandata.

Infine, se ancora la risposta dovesse essere inadeguata, o non pervenire entro 45 giorni, lo stesso IVASS mette a disposizione un modulo di segnalazione che trovate al seguente link:

https://www.ivass.it/consumatori/reclami/Allegato2_Guida_ai_reclami.pdf.

Il modulo, stampato e compilato, va spedito, sempre via PEC o Raccomandata: PEC:tutela.consumatore@pec.ivass.it

Raccomandata ; IVASS / Servizio Tutela del Consumatore / Via del Quirinale, 21 / 00187 Roma

 

L'IVASS  garantisce una risposta entro 90 giorni. Ricordiamo che la procedura non comporta ulteriori spese né rischi legali , neppure in caso di risposta negativa. Naturalmente , in caso invece di valutazione positiva, la Compagnia Assicurativa dovrà prontamente provvedere al rimborso della assicurazione sulla cessione del quinto dovuto.

 

Lettera rimborso premio assicurativo (Fac-Simile)

 

Abbiamo preparato un fac simile di lettera che potrai inviare direttamente alla compagnia assicurativa per richiedere il rimborso de premio non goduto. Ecco il link per scaricarla: Lettera rimborso assicurazioni cessione del quinto

 

 

Attenzione alle richieste di rimborso della polizza assicurativa per le cessioni del quinto sottoscritte prima del 2011

 

Richiesta rimborso assicurazioni cessione del quintoCome anticipato precedentemente in questa seconda parte vogliamo informarti di qualcosa di cui nessuno parla. Attenzione a richiedere alla Banca o Finanziaria il rimborso della assicurazione della cessione del quinto per i contratti sottoscritti prima del 2011.

Vediamo sempre più spesso come gli istituti di credito si inventino modalità di rimborso che esulano da un comportamento leale verso i propri clienti.

Stiamo vedendo come sempre più finanziarie contattano i propri clienti che hanno estinto anticipatamente una cessione del quinto dicendo loro che ce un rimborso da ottenere per le vecchie pratiche estinte.  Questo rimborso "volontario" o "proattivo" non è altro che una scusa per rimborsare solo una piccola parte di quanto è realmente dovuto al consumatore.

Ovviamente l'utente non sapendo che la finanziaria ha trattenuto indebitamente somme non dovute (oltre al premio assicurativo) firma la liberatoria che l'istituto di credito le propone a cambio di un esiguo rimborso , sbarrando cosi definitivamente la strada al consumatore nel ottenimento di tutto il dovuto.

Attenzione quindi alla richiesta di rimborsi per contratti sottoscritti prima del 2011 in quanto questi presentano gravi anomalie (anche usura) che potrebbero nella magior parte dei casi tradursi in un cospiquo rimborso al consumatore. Ti consigliamo quindi, prima di richiedere il rimborso assicurativo, di inviarci il tuo contratto per controllare se sono presenti usura e altre anomalie bancarie.

 

Se la polizza sottoscritta da me è successiva al 2010 cosa devo controllare per essere sicuro che mi rimborsino il dovuto?

 

ricorso ivass

 

 

 

 

 

Devi controllare  due cose molto importanti:

 

  1. Nel reclamo che fai alla compagnia assicurativa deve essere specificato che in caso di diniego, mancata risposta o di proposta di un importo inferiore al dovuto sarà presentato ricorso all'IVASS.
  2. Nel modulo che ti verrà proposto e che dovrai sottoscrivere per ottenere il rimborso dell'assicurazione deve essere specificato l'importo che ti sarà rimborsato. (speso questo dato così importante viene semplicemente omesso dalla compagnia ).

 

E ricorda;  un consumatore informato è un consumatore consapevole!!

 

 

 

 

 

 

 

1 Risposta

  1. Le informazioni sono sicuramente molto utili

Lascia un commento