Richiesta conteggio estintivo prestito

Sempre più consumatori ci stanno chiedendo di fare chiarezza sulle procedure di estinzione di un prestito e in particolare su come fare la richiesta conteggio estintivo prestito. In questa breve guida imparerai le fasi di richiesta e sopratutto cosa devi controllare per non incappare in trattenute da parte della finanziaria.

 

Cos'è il conteggio estintivo

Anzitutto, supponiamo che tu abbia fatto richiesta per un finanziamento, ma che successivamente tu voglia estinguerlo anticipatamente.

In tal caso, è possibile esercitare il diritto di estinzione in via anticipata del prestito, quale che sia la natura (prestito personale o cessione di quinto ecc…), presso l'istituto con il quale è in corso il finanziamento.

Tale istituto, banca o società finanziaria, rilascerà un documento (conteggio estintivo) che contiene l’ammontare del debito residuo, ovvero l’importo che dovrà essere versato all'istituto affinché si possa chiudere il prestito. Il documento deve anche indicare le modalità attraverso le quali può avvenire il rimborso e la scadenza entro cui saldare il debito.

conteggio-estinzione-finanziamentoPresta molta attenzione alla data di scadenza per il saldo del debito perché anche un solo giorno di ritardo invaliderebbe il documento e, detta molto schiettamente, “ciao ciao” alla procedura di estinzione. Dovrai quindi fare una nuova richiesta di conteggio estintivo prestito.

 

Come fare la richiesta conteggio estintivo prestito

Ma come puoi ottenere il rilascio del conteggio estintivo?

Il meccanismo pare direi semplice: devi richiedere alla tua banca o finanziaria il rilascio del conteggio e potrai farlo in qualsiasi momento.

Una bella notizia? È che non dovrai pagare nulla per il servizio.

 

Cosa contiene il conteggio estintivo per anticipata estinzione?

Le informazioni contenute in questo documento sono di fondamentale importanza perciò dovrai stare molto attento a tutte le voci presenti in quanto possono essere fonti di sbagli e/o omissioni da parte del Istituto di credito.

Alcune di queste voci possono essere le seguenti:

  • Numero di pratica
  • Durata del prestito
  • Rate pagate alla data odierna
  • Sconto degli interessi a scalare
  • Rimborsi eventuali commissioni
  • Rate eventualmente non pagate (insolute)
  • Penali
  • Imposte
  • Spese
  • Mora
  • Capitale residuo
  • Abuoni
  • Commissioni di estinzioni
  • Coordinate bancarie per fare il bonifico
  • Assicurazioni

In ogni caso ti consigliamo di controllare sempre la corrispondenza di tutte le voci di costo e/o eventuali abbuoni nel conteggio estintivo, e di confrontarli con le clausole contrattuali da te sottoscritte nel contratto di prestito.

Sempre più spesso purtroppo costatiamo diverse anomalie nei conteggi per estinzione anticipata che si traducono in un danno economico per l'ignaro consumatore.

Si pensi per esempio a tutte le problematiche del rimborso della assicurazione della cessione del quinto.

Ma non solo; se anche tu hai rinegoziato una cessione del quinto molto probabilmente il contratto che hai sottoscritto contiene diverse anomalie bancarie per cui potresti avere restituiti diverse migliaia di euro. Se vuoi approfondire l'argomento segui questo link:

Rimborso cessione del quinto

Ora torniamo all'argomento principale di oggi "Il conteggio estintivo"; per facilitare la comprensione di questo documento abbiamo preparato qui di seguito un esempio di conteggio per anticipata estinzione (abbiamo oscurato i dati sensibili)

 

Fac --Simile Conteggio per estinzione anticipata

 

Fac-simile conteggio estinzione anticipata prestito

 

 

 

Tempistica per il rilascio del conteggio estintivo

Ottima notizia per chi “ha fretta” di procedere quanto prima riguarda le tempistiche di rilascio del conteggio.

Secondo l'articolo 17 della Legge 895 Regolamento di attuazione della Legge 180/1950, l'istituto ha l’obbligo di rilasciare il conteggio estintivo entro e non oltre 10 giorni lavorativi, che decorrono dal momento in cui è stata ricevuta la richiesta.

 

Attenzione alle rinegoziazioni del prestito tra finanziarie diverse

nascondere-soldi-conteggio-estinzioneSe stai rinegoziando il prestito con una finanziaria diversa devi assolutamente stare attento e farti consegnare il conteggio per anticipata estinzione prima della chiusura del vecchio prestito.

E' prassi di moltissimi istituti non consegnare il conteggio estintivo al cliente inviandolo direttamente alla finanziaria entrante la quale per conto del cliente estinguerà il vecchio finanziamento.
Anche se a prima vista questa procedura interna delle finanziarie sembra snellire il procedimento, di fatto impedisce al consumatore di sapere esattamente cosa le stanno facendo pagare in fase di estinzione (penali, commissioni, ratei , assicurazioni ecc).
Perciò ti consiglio vivamente di pretendere la consegna del conteggio per anticipata estinzione prima che la finanziaria entrante approvi il nuovo prestito, onde evitare di perdere soldi trattenuti indebitamente dalla finanziaria uscente.

 

Modulo richiesta conteggio estintivo prestito

Qui di seguito potrai trovare il modulo scaricabile per richiedere alle finanziarie il tuo conteggio per estinzione anticipata:

  1. Scarica modulo in pdf
  2. Scarica modulo editabile (Word)

Attenzione: si raccomanda di richiedere il documento tramite raccomandata con prova di consegna, tramite fax oppure tramite posta certificata PEC.

Recapiti delle principali finanziarie per richiedere il proprio conteggio per anticipata estinzione

0583 91333
assistenza.reclami@pec.intesasanpaolo.com
151, Via Indipendenza 2 - 40100 - (BO)
0541.55430 -
0541.51430
-
-
CORSO GIOVANNI XXIII, 143 -51430 - RIMINI - RN
0546 661633
-
-
Via Pistocchi 1 - 48018 Faenza (RA)
02.69943001
agosducato@legalmail.it
-
Via Bernina, 7 - 20158 Milano
0882 248511 - 0882 201111
segreteria.app@cert.venetobanca.it
apuliaprontoprestito@bancapulia.it
40, Via Tiberio Solis - 71016 San Severo (FG)
035 0861604 / 035 39211
-
-
Bergamo, in Piazza Vittorio Veneto, numero 8 - 24122
0773 914072
bccprivernate@certificazioneposta.it
-
20/B, Via Madonna Delle Grazie - 04015 Priverno (LT)
081 8945144 / 081 8948908
direzionegenerale@bcp.postecert.it
reclami@bcp.it
8/10, Via Palumbo Aniello - 80014 Giugliano In Campania (NA)
079 221 511 -
079 221 739
bancasassari@legalmail.it
direzionegenerale@bancasassari.it
Viale Mancini, 2 07100 - Sassari
06 5414899
reclami.pec@bancaifis.legalmail.it
areanpl@bancaifis.legalmail.it
6, Via Croce Benedetto - 00142 Roma (RM)
059 2021111 -
059.2022033
bper@pec.gruppobper.it
bpergroup@bper.it
Via San Carlo 20 - 41121 Modena
02 77004701 -
02 77003907
segreteriabpm@pec.gruppobipiemme.it
bipiemme@bpm.it
Piazza F. Meda, 4 - 20121 Milano
0444 339111 -
0444 329364
popolarevicenza@cert.popvi.it
popolarevicenza@cert.popvi.it
I-36100 Vicenza, Via Btg. Framarin,18
0833 595298 / 0833 500111
ufficio.reclami@pec.bpp.it
canali.mobili@pec.bpp.it
73052 Parabita (Le) - Via Provinciale per Matino, 5
06 42016820 / 06 42016017
segreteria.bancapulia@cert.venetobanca.it
-
Via Di S. Basilio 41 - 00187 Roma (RM)
079 226000
segreteriagenerale@pec.bancosardegna.it
servizio.clienti@gruppobper.it
VIALE BONARIA, 33 -07100 SASSARI
02 541199 / 02 40378205 / 02 63721
bankitalia.barcap@pec.barclaysbank.it
operationscqs@barclays.it
Via Della Moscova 18 - 20121 Milano (MI)
06 36772 111 -
06 36772 380
bbvafinanzia@pecbbva.it
info@bbvafinanzia.it
Via Nomentana, 305 - 00162 Roma
0546 690111 -
0546 660212
bcc.ravennate.imolese@legalmail.it oppure, labcc@legalmail.it
segreteria@inbanca.bcc.it
Piazza della Libertà, 14 - 48018 Faenza RA
06 42457801 -
06 92912206
legale@pec.bnlfinance.it
bnlfinance.reclami@bnlmail.com
Piazzale Agricoltura 24 - 00144 Roma (RM)
02 45470486
capitalfinspa@postecert.it
info@capitalfinspa.it
4, Piazza Wagner Riccardo - 20145 Milano (MI)
0871 5681 -
0871 568516
nuovacarichieti@legalmail.it
ufficioreclami@carichieti.it
Via Colonnetta 24, 66100 Chieti CH
0546 624111 / 0546 624101 -
0546 624108
carifinitaliabi@legalmail.it
info@carifinitalia.it
2, Via Galileo Galilei 48018 FAENZA(RA)
010 57 91 -
010 57 94 000
carige@pec.carige.it
carige@carige.it
Genova, Via Cassa di Risparmio, 15
081 552 8350 / 081 5524142-
081 5527102
cofimar@cofimar.legalmail.it
info@cofimar.it
Via Matteo Schilizzi, 16, 80133 Napoli NA
0541 1865000/ 0541 791200 -
0541 791222
-
info@cogesfinanziaria.it
Via della Fiera, 121, 47923 Rimini RN
02 721321 -
02 72132374
compass@pec.compassonline.it
info@compass.it
Via Caldera, 21 - 20153 - Milano
011 7710320 -
011 4121827
conafi@legalmail.it OPPURE conafi.reclami@cert.conafi.it
reclami@conafi.it
SEDE LEGALE:
Via F. Cordero di Pamparato, 15
011 506 1111 / 011 5061228 -
011 5732578
consel@actaliscertymail.it
clienti@e-consel.it
Via Bellini, 2, 10121 Torino TO
0522 582111
credem@pec.gruppocredem.it
info@credem.it
Via Emilia S. Pietro 4 - 42121 Reggio Nell'Emilia (RE)
02 4024 1 -
02 4024 4164
02 4024 5888[/span3]
riconciliazione.cqs@db.com
dbspa3@actaliscertymail.it
deutschebank.ufficioreclami@db.com
Piazza del Calendario, 1- 20126 Milano
081 7879184 -
081 6068471
-
-
Via Centro Direzionale - 80143 Napoli (NA)
06 9652051 -
06 96520591
dynamicaretail@legalmail.it
info@dynamicaretail.it
Via Guidubaldo del Monte n. 61
051 0930811 -
051 0930811
-
info@imcsrl.org
Via della Zecca n. 1 - 40121 Bologna
06 44703918 / 06 4940555 -
06 4940607
finanziariam3@pec.it
contatti@finanziariam3.it
46, Via Goito - 00185 Roma (RM) EURO CAPITAL SPA
06.44101 -
06. 44107115
rea@pec.fercredit.com
-
Via Nomentana, 4 - 00161Roma (RM)
0874 823372 -
0874 824450
fidespa@legalmail.it
info@fidespa.com
24, Piazza Del Popolo - 86035 Larino (CB)
06 4203031 -
06 68392028
segreteriafides@postacert.cedracri.it
fides@fidesspa.com
Sede Legale e Operativa via Ombrone, 2G
02 43018799 /02 43018555
fiditalia_bi@legalmail.it OPPURE cco.b2c@pec2.fiditalia.it
contatti.cco@fiditalia.it
Via Guglielmo Silva 34 - 20149 Milano (MI)
010 5745537 -
010 5745538
figenpa@legalmail.it
reclami@figenpa.it.
viale delle Brigate Partigiane 6, Genova
055 2731222
findomestic_banca_pec@findomesticbanca.telecompost
gestioneportafoglio.cqs@findomesticgruppo.telecompost.it
Via Jacopo da Diacceto, 48 - 50123 Firenze
02 288721
finecobankspa.pec@actaliscertymail.it
helpdesk@finecobank.com
20131 Milano - P.zza Durante, 11
02 5188 7900 -
02 5188 7993
finitalia@pec.unipol.it
info@finitaliaspa.it
Viale Lancetti 43, 20158 Milano
02 6378641 -
- 02 637864216
-
-
24, Via Borgonuovo - 20121 Milano (MI)
02.48244.700 -
02.48244.792
futuro@pec.futuro-spa.com
reclami@futuro-spa.com
Via Caldera, 21 - 20153 - Milano
0174 556111, 0174 58611
ifisleasing_bancaitalia@bancaifis.legalmail.it
segreteria.generale-ifisleasing@bancaifis.legalmail.it
136, Via Vecchia Cuneo - 12084 Pogliola (CN)
06 68134470, 06 684591
comunicazioni_iblbanca@postacert.it
documenti@pec.iblbanca.it
Via di Campo Marzio, 46 00186 Roma
051 211811/ 051 6450600 -
051 9711084
assistenza.reclami@pec.intesasanpaolo.com
estinzionicessionequinto@accedospa.com
Via dell'Indipendenza, 2 - 40121 Bologna (BO)
02 6672 1711 -
02 6749 3080
segrdir-italcredi@legalmail.it
servizioclienti@italcredi.it
C.so Buenos Aires, 79 - 20124 Milano
0541 771289 -
0541 795463
librafinanziaria@legal-pec.it
info@librafinanziaria.it
Via della Fiera, 121, 47923 Rimini RN
06 44703918 -
06 4940607
m3groupspa@pec.it
info@m3group.it
Via Goito 46 - 00185 Roma
0577 294111
segr.gen@postacert.gruppo.mps.it
info@mps.it
Piazza Salimbeni 3, 53100, Siena
06 69768341
segreteriagenerale@postacert.bancaetruria.it
-
Via Uffici del Vicario, 45/48 ang. Vic. Guardiola -00186 Roma
uff legale 011-33411
pec.pitagora@pec.pitagoraspa.it
ufficio.conteggiestintivi@pitagoraspa.it
C.so Marconi 10, 10125 Torino
051/5887001 -
0546 624399/ 051 5887005
-
info@plusvalore.it
Via Cairoli 8/F - 40121 - BOLOGNA
06 59581
poste@pec.posteitaliane.it
-
Viale Europa 175 - 00144 Roma (RM)
0444 339111 -
0444 329364
prestinuova@cert.prestinuova.it
reclami@cert.popvi.it
BANCA POPOLARE DI VICENZA - I-36100 Vicenza, Via Btg. Framarin,18
035 0861500
abf.prestitalia@pecgruppoubi.it
prestitalia-0509-supporto.amministrativo.crediti.e.operations@prestitalia.it
Sede Legale Via Stoppani, 15 - Bergamo
090 6010511
primeitaliaspa@pec.it
info@primeitaliaspa.it
in via Centonze, 42 - Messina
06 97994900
06 5922586
segreteriabpm@pec.gruppobipiemme.it
info@quintogest.com
Via C. Colombo 112 - 00147 Roma
06 44258923 -
06 44230880
racesfinanziaria@legalmail.it
-
Via Torlonia 16-1800161 Roma
011 6319119 - 011 6319111
reclami.santander@actaliscertymail.it
reclami@santanderconsumer.it
262, Via Nizza - 10126 Torino (TO)
0438 45990 -
0438 45923
siglacredit.cessionequinto@pec.it
sac@siglafinanziamenti.it
Via Cesare Battisti, 5/a - 31015 - Conegliano (Treviso) - Italia
0872272261 -
0872722666
-
-
CORSO TRENTO E TRIESTE, 80 -66034 LANCIANO -CH
06 9025001 -
06 90250099
spefinfinanziariaspa@legalmail.it
info@spefin.it
VIA BONCOMPAGNI 21 - 00187 - ROMA RM
011 19781088
011 19781023
terfinance@actaliscertymail.it
info@vivibanca.it
Via S. Pio V, 5 - 10125 Torino (TO) TERFINANCE SPA
06 87758160 -
06 89184707
towerscq.crediti@legalmail.it
towerscq@zenithservice.it / estinzioni.towerscq@zenithservice.it
-
035 392111
ubibanca.reclami@pecgruppoubi.it
reclami@ubibanca.it
Piazza Vittorio Veneto 8 - 24122 Bergamo
06 87854007
comunicazioni@pec.unicredit.eu
cqsassistenza@unicredit.eu
VIA ALESSANDRO SPECCHI 16, 00186 ROMA
011 19781088
011 19781023
vivibanca@pec.it
incassi@terfinance.it
Via S. Pio V, 5 - 10125 Torino (TO) TERFINANCE SPA
02 778 8051 -
02 778 80599
zenith_service@legalmail.it
estinzionicessionequinto@accedospa.com/ estinzioni.towerscq@zenithservice.it
Via Alessandro Pestalozza 12/14 - MILANO

 

Spero ti sia stato in qualche modo utile quanto appena esposto.

Se per caso hai già dovuto far ricorso alla procedura di estinzione anticipata di un finanziamento, perché non lasciare un commento qui sotto e condividere così la tua esperienza?  Sicuramente potrà essere d’aiuto a chi invece ha ancora qualche perplessità.

Renditi tu stesso partecipe in prima linea.... e ricorda " Un consumatore informato è un consumatore consapevole"

 

 

30 Risposta

  1. Caterina lo presti

    È vergognoso. Ho fatto il conteggio estintori per una risoluzione del debito anticipata. È andata bene, ma adesso sono cominciati i problemi perché la società Towers S R L , non mi rilascia ancora la LIBERATORIA….

    • Alessandro Lega Alessandro Lega

      Gentile Sig.ra Lo Presti, purtroppo non deve scandalizzarsi. Dopo aver ricevuto il conteggio estintivo ed aver effettuato il saldo del debito rimanente, possono trascorrere anche 90 giorni prima di ricevere la liberatoria, la cui mancanza non compromette ulteriori pratiche o richieste, in quanto Lei avrà sicuramente a disposizione la contabile di pagamento (solitamente del bonifico), che dimostra l’avvenuta estinzione. Naturalmente è opportuno da parte Sua continuare a sollecitare la finanziaria tramite PEC o raccomandata AR, così da dimostrare la responsabilità della finanziaria in merito a tale mancanza.

  2. Federico

    Buongiorno. Ho richiesto a Deutsche Bank il conteggio estintivo del mio prestito, inviando richiesta firmata (con allegate carta identità e codice fiscale) tramite PEC. Dopo più di due settimane non ho ancora ricevuto risposta. Ho mandato un nuovo sollecito. Dal momento però che il termine dei 10 giorni è già passato, cos’altro posso fare per ottenere ascolto? Grazie

    • Alessandro Lega Alessandro Lega

      Solitamente Deutsche Bank è puntuale in queste attività. Ciò non significa che a volte possano verificarsi contrattempi. Per cui è sempre bene evitare le modalità costrittive quando possibile, pertanto faccia un ulteriore tentativo tramite PEC mettendo per conoscenza l’indirizzo riconciliazione.cqs@db.com, ma questa volta specificando che se entro 10 giorni lavorativi (evidenziando il tempo trascorso dalla prima richiesta) non sarà ricevuto il conteggio alla data (futura) del …, si procederà con il ricorso presso gli organi competenti di Banca d’Italia (ABF di competenza). E’ bene ricordare che il conteggio estintivo deve indicare una data di prevista estinzione di almeno 30 giorni a venire, per avere il tempo di effettuare il bonifico con valuta corrispondente e non incorrere così in penali di ritardo (mora). Certo un ricorso in ABF non accorcerà le tempistiche, ma potrebbe causare un aggravio di oltre 200 euro alla finanziaria. Infine mi scuso per la banale e scontata precisazione, ma a volte capita di confondere la banca erogante con la finanziaria: per ultimo, ma non per importanza ricordo la richiesta del conteggio estintivo deve essere fatta alla finanziaria che ha in gestione il finanziamento, pertanto se Deutsche Bank è la banca erogante ma non la finanziaria contraente, non è Deutsche che dovrà inviare il conteggio estintivo, bensì la Finanziaria intestataria della Cessione. Il contratto Le darà la giusta indicazione del destinatario della Sua richiesta.

      • Federico

        Tutto molto chiaro. Grazie mille

  3. Serenella

    Buon pomeriggio, devo estinguere totalmente un prestito societario (intestato ad srl) presso la banca, l’importo rimanente è superiore ai 10mila euro e mancano più di 12 mesi al termine del prestito. Come penale la banca mi addebita il 3% che mi pare altissimo. La legge Bersani (che impone al massimo l’1%) vale anche per i prestiti fatti alle società? Posso oppormi in qualche modo a questa percentuale assurda? Grazie

    • Alessandro Lega Alessandro Lega

      Gentilissima Serenella, come spesso scriviamo, è fondamentale procedere con un’analisi contrattuale senza la quale diventa aleatoria qualsiasi opinione. Prima di valutare una percentuale è necessario stabilire quella che è la norma applicabile. Nel caso presentato, trattandosi di un prestito societario erogato ad una srl, non reputo applicabile la legge Bersani, bensì l’art.40 del T.U.B. Secondo la mia umile comprensione, La legge Bersani è applicabile ai mutui per acquisto o ristrutturazioni di abitazioni o immobili anche per uso professionale effettuati da persone fisiche. Per meglio chiarire, la L.40/2007 si applica in base ai seguenti profili soggettivi:
      – qualunque soggetto mutuante (banche, intermediari finanziari, anche enti di previdenza obbligatoria ex art. 13, comma 8-quaterdecies) ;
      – mutuatario persona fisica
      ed ai seguenti profili oggettivi:
      – solo contratti di mutuo, anche accollati a seguito di frazionamento, anche ex d.lgs 122/2005;
      – mutui stipulati dal 2/2/2007 (entrata in vigore della normativa);
      – mutui di scopo destinati all’acquisto o ristrutturazione di unità immobiliari adibite alternativamente a:
      a) ad abitazione del mutuatario (non necessariamente prima casa)
      b) allo svolgimento di attività economica del mutuatario
      c) allo svolgimento di attività professionale del mutuatario
      Il tema meriterebbe ulteriori approfondimenti, considerando poi le complicanze delle successive specifiche demandate agli accordi specificati dall’art.5 e 6 della citata legge, ma la consulenza di un avvocato specializzato sarà certamente più proficua.

  4. Sainato Pino

    Sto avendo problemi con Towers srl per la liberatoria da inviare alla mia banca per lo svincolo del mio fondo pensione nonostante io abbia chiuso anticipatamente 5 mesi fa. Venerdì sono riuscito ad avere la liberatoria per me ma alla mia banca non basta, ho dovuto fare una richiesta a Towers per far inviare una liberatoria anche alla banca spero che in settimana si facciano vivi. La liberatoria non dovrebbe andare in automatico?

    • Alessandro Lega Alessandro Lega

      La liberatoria a seguito di una estinzione di un finanziamento, in teoria dovrebbe essere contestuale alla ricezione del pagamento da parte della finanziaria/banca. Ciò però non esula dal considerare i tempi tecnici di registrazioni contabili e lavorazioni da parte degli impiegati. Cinque mesi sono sicuramente un tempo più che sufficiente per ottemperare a tali procedure, per cui ha fatto bene a sollecitare. Nel caso la finanziaria sia reticente o troppo lenta, trascorsi 15 giorni (tempistica già sufficiente alle gestioni contabili e postali) sarebbe bene presentare reclamo alla finanziaria tramite PEC o raccomandata A.R., reclamo a cui la finanziaria è obbligata a rispondere entro 30 giorni. Trascorsi i quali si può agire presso gli organi di tutela di Banca d’Italia tramite ABF.

  5. Anna

    Salve, vorrei sapere se la finanziaria può rifiutare il conteggio estintivo adducendo come motivazione il mancato saldo di due rate. Specifico che non si tratta di cessione del quinto e che sono libera professionista.
    Grazie.

    • Carelina Mendoza

      Gentilissima Anna, il conteggio estintivo è il documento attraverso il quale la finanziaria/banca si rende disponibile ad accettare la richiesta/diritto del cliente di chiudere anticipatamente un finanziamento contrattualmente regolato. Purtroppo il contratto (solitamente) specifica che saltare anche una sola rata determina la decadenza del beneficio del termine. Ovvero il contratto cambia completamente la sua natura di rateazione, e spesso, determinando l’esigibilità dell’intero residuo in forma totale ed immediata, oppure (se previsto) l’intervento di una assicurazione che salda la finanziaria/banca e diventa titolare del credito. Per semplificare, la finanziaria/banca potrebbe non emettere il conteggio estintivo in quanto è già in fase di chiusura del contratto (decadenza del beneficio) e di conseguenza è già iniziata la fase di messa in mora. Nel Suo caso, penso che Le sarebbe utile saldare le rate insolute e regolarizzare i pagamenti. Se la finanziaria/banca accettasse tali pagamenti senza procedere con la decadenza del beneficio del termine, allora Lei potrà (senza ulteriori aggravi di spese legali o commissioni ulteriori) procedere con la richiesta di estinzione. Naturalmente è bene che Lei riesca a parlare con qualche impiegato della Sua finanziaria/banca che la tenga aggiornata sulla situazione in modo da procedere con la modalità che sia più semplice e con il minor aggravio di spese e more che potrebbero essere applicate in funzione delle clausole contrattuali.

  6. Buongiorno,
    un non vedente è costretto a spendere 400 euro di procura notarile per richiedere conteggio estintivo? grazie

    • Alessandro Lega Alessandro Lega

      Gentile Massimiliano, la legge n. 18 del 3 febbraio 1975 ha parzialmente risolto alcune problematiche al riguardo, ma dato che solitamente la CQS viene stipulata a distanza, purtroppo si rende necessaria una apposita procura a meno di non effettuare il rinnovo con la stessa finanziaria, la quale, avendo già in mano la precedente procura per l’attivazione della cessione in corso, potrebbe considerare valido tale documento ai fini di un rinnovo, a meno che la precedente procura non escluda tale opzione.
      Come sicuramente è di Sua conoscenza, una persona non vedente è tenuta a prendere atto del contratto, per cui deve necessariamente affidare ad un terzo di fiducia la lettura di tale documento e di conseguenza, ai fini della validità legale, farsi assistere da testimoni (o assistenti alla redazione) che appongano la propria firma sul contratto stesso. Con un contratto a distanza come solitamente succede con la CQS, diventa più complicata la procedura di riconoscimento della persona firmataria, ecco perché viene richiesta la procura.
      In alternativa il documento contrattuale o di recesso, dovrebbe essere scritto in braille, ma poi servirebbe una traduzione giurata per validarne gli effetti di legge.
      Una persona non vedente solitamente ha già un procuratore per tutti gli atti speciali che deve affrontare, per cui uan (cosiddetta) “procura speciale” in corso di validità è sufficiente a stipulare contratti e quindi anche richiederne l’eventuale recesso (quindi anche la richiesta del conteggio estintivo). Non sono però in grado di dare indicazioni per quanto riguarda i costi di tali atti.

  7. Salve ho chiesto conteggio per estinzione finanziamento, se non pago entro il termine il.ginaziamemto.provefe regolarmente oppure viene bloccato?

    • Alessandro Lega Alessandro Lega

      Gentile Annalisa, di norma un conteggio estintivo è una sorta di preventivo di estinzione. Ciò che estingue definitivamente il prestito è il bonifico a saldo del debito residuo. Benché non sia un obbligo, è sempre bene tenersi in contatto con la finanziaria, possibilmente tramite email e non solo tramite telefono per tenerli informati di quanto si ha intenzione di fare, così da evitare disguidi.

  8. Salve,
    Perdonatemi la domanda che può sembrare banale, ma sul mio contratto c’é scritto che se richiedo il conteggio ed estinguo il debito con bonifico, la rata successiva alla richiesta stessa verrà comunque trattenuta regolarmente. Nel conteggio è considerata questa cosa? O meglio, il debito residuo che andrò a versare con bonifico include anche questa rata successiva alla richiesta o come è giusto che sia le rate residue che vedró nel conteggio sono le restanti meno la prossima che comunque sarà trattenuta regolarmente?
    Inoltre una volta effettuato il bonifico, cosa viene rilasciato e con che tempistiche?

    Ps il mio è un prestito Agos

    Grazie in anticipo per i chiarimenti

    • Alessandro Lega Alessandro Lega

      Purtroppo i tempi di registrazione contabile delle finanziare sono abbastanza lunghi. Questo ritardo fa in modo che nel momento in cui viene richiesto un conteggio estintivo l’ultima rata pagata ancora non risulta ricevuta o contabilizzata e viene inserita nel conteggio come rata non pagata. La stessa cosa succede con la rata che sta ancora per scadere, ovvero spesso succede che venga trattenuta anche dopo aver inviato il bonifico di estinzione. Nel giro di 3 o 4 mesi tali rate vengono regolarmente restituite. Solo in alcuni sporadici casi succede di dover sollecitare la finanziaria alla restituzione di tali rate doppiamente trattenute. Per quanto riguarda la conclusione del contratto, la ricevuta bancaria di avvenuto bonifico è già di per se sufficiente a dimostrare l’estinzione del debito, ma è sempre bene farsi mandare la cosiddetta “liberatoria”, documento che viene (solitamente) inviato automaticamente dalla finanziaria entro 3 o 4 mesi, sempre a causa delle lungaggini contabili amministrative. Alcune filiali AGOS sono più efficienti di altre, ma nel complesso rientrano nella media delle tempistiche di gestione delle banche e finanziarie.

  9. La scorsa settimana ho ricevuto un conteggio di estinzione da DB Easy in data 27/11/2018 (pomeriggio) con data scadenza 27/11/2018.
    E’ legale una cosa del genere? Precisano pure che se non si effettua il bonifico entro la data di scadenza il conteggio non è più valido e bisogna richiederne uno nuovo.

    Cosa posso fare?

    Grazie

    • Alessandro Lega Alessandro Lega

      E’ un semplice errore dell’impiegato che ha redatto il conteggio estintivo. E purtroppo sì, è sempre buona norma farsi fare un conteggio estintivo con data di scadenza futura, concordando tale data con la finanziaria.
      C’è da tenere presente che il conteggio estintivo è una sorta di preventivo che ha una validità in base all’ultima rata pagata. In altre parole, nel gergo delle CQS si usa dire “conteggio estintivo alla rata XX“.
      Per fare un esempio pratico, nel richiedere il conteggio estintivo dovrei prima verificare quante rate ho pagato e per fare questo esempio ipotizziamo di aver pagato già 60 rate rispetto alle 120 totali previste dal contratto.
      Il conteggio estintivo che riceverò, probabilmente riporterà che ho pagato solo 59 rate e che la rata numero 60 non risulta pagata, quindi per estinguere la cessione dovrò versare l’importo relativo alle 61 rimanenti e la data di scadenza del conteggio estintivo sarà molto prossima in termini di giorni ovvero prima della scadenza della prossima rata (che secondo i nostri pagamenti sarà la rata numero 61).
      Questo accade perché i tempi di registrazione contabile delle finanziarie sono piuttosto lenti e quindi non hanno ancora registrato l’ultima rata da noi pagata.
      A parte dover anticipare il pagamento di una rata in più, che poi sarà automaticamente restituita dalla finanziaria, questa è la normale prassi. E’ molto farraginosa, ma estremamente comune.
      Naturalmente, perdendo un po’ di tempo al telefono con gli impiegati della finanziaria, si potrà ottenere un conteggio estintivo più preciso e con una scadenza futura, concordando il momento esatto in cui effettuare il bonifico di estinzione.

  10. Buongiorno, il 20 marzo ho fatto richiesta di estinzione anticipata alla banca Carrefour dove nel 2014 ho aperto un prestito. Ad oggi non ho ricevuto il conteggio, anzi ho chiamato e mi é stato detto che loro i conteggi li fanno solo dal 4 al 20 del mese successivo alla richiesta. Ho fatto presente che non é segnalato da nessuna parte e la risposta é stata che sono regole interne…in pratica se mi arriva il 20 ho tempo solo 5 giorni per fare il bonifico, e ovviamente non faccio in tempo, perché con il loro prospetto dovrei fare nuova richiesta prestito e nessuno in 5 giorni mi approverebbe il finanziamento. Come posso fare? Grazie

    • Alessandro Lega Alessandro Lega

      Gentile utente, non si preoccupi delle regole interne della banca con cui ha il prestito attualmente. Per ovviare al problema Lei potrebbe chiedere il conteggio estintivo in anticipo, in pratica chieda il conteggio estintivo ad una specifica data futura, ad esempio chieda alla data del 15/06/2018 dopo aver pagato la rata “n”. Questo non è difficile, anzi, solitamente il piano di ammortamento è allegato al contratto per cui Lei potrebbe utilizzare gli importi indicati in tale documento per effettuare l’estinzione. Poi sarà utile verificare se eventuali rimborsi, in caso di ratei assicurativi o di costi non maturati a cui Lei potrebbe avere diritto.
      Se invece riesce ad ottenere il conteggio estintivo ad una data futura, si accerti che la banca vada a calcolare anche tali importi (i ratei da rimborsare per eventuali assicurazioni o costi bancari), in modo che non sia necessario fare ulteriori richieste di verifiche o richieste di rimborsi.
      Un controllo fatto da un addetto ai lavori non fa mai male.
      Se invece il conteggio estintivo Le serve per fare una nuova cessione del quinto, lasci che se ne occupi la banca/finanziaria con cui accenderà la nuova cessione del quinto.
      Vedrà che tra loro saranno molto veloci.
      In ogni caso si faccia dare copia di ogni documento di estinzione, in modo da verificare se il conteggio estintivo è stato fatto tenendo conto degli eventuali rimborsi di cui sopra. Cordiali saluti.

  11. Finanziamento Fxxxxxxxxx LUG 2016-AGO 2024 lo vorrei estinguere anticipatamente a SETT 2019 (avrò pagato regolarmente 36 rate mensili di 96).
    Per capire se avrò i soldi necessari per chiudere:
    Residuo al 01/09/19 Capitale € 16500 / Interessi 4500 / Assicurazione 1416. Devo rendere capitale+assicurazione+penale 1%?
    Grazie mille!!

    • Alessandro Lega Alessandro Lega

      Purtroppo dalle informazioni non è possibile fare un calcolo appropriato. Se le cifre indicate sono quelle ancora da versare come indicato nel piano di ammortamento, gli unici importi da versare sono il capitale residuo e la penale di estinzione. Il rateo di assicurazione relativo ai restanti mesi del piano di ammortamento, siccome si tratta di assicurazione non goduta, non deve essere pagata perché il contratto si interrompe anzitempo e di conseguenza non è più necessaria la copertura assicurativa. L’importo esatto deve essere richiesto alla finanziaria ed in caso di incongruenze, verificato da un tecnico commerciale. Cordiali saluti.

  12. Risposta chiara ed esaustiva.
    Buona serata e grazie ancora.

  13. Aiuto! Ho richiesto attraverso la mia banca il conteggio estintivo a Prestinuova i primi di Aprile ma , nonostante i continui solleciti, ad oggi non è ancora arrivato niente. Alle mail di sollecito non rispondono e telefonicamente adducono mille scuse. Sapendo che il termine di legge è fissato in 10 giorni come posso ottenere quello che chiedo senza dovermi per forza rivolgere ad un avvocato? Senza conteggio mi stanno bloccando la richiesta di cessione del quinto di cui ho urgente necessità. Grazie

    • Alessandro Lega Alessandro Lega

      Gentile Nicola, per effettuare un sollecito che sia efficace dovrà farlo tramite canali ufficiali e legalmente comprovanti le Sue continue richieste. Quindi Le consiglio di mandare una PEC o una raccomandata AR alla sede legale della finanziaria e per conoscenza all’ufficio reclami della stessa. Nella missiva dovrà citare il D.P.R. n. 895 del 1950 che, all’articolo 17, evidenzia l’obbligatorietà del rilascio del conteggio estintivo, e stabilisce il limite massimo di 10 giorni condizionando il mancato rilascio ad ulteriori segnalazioni presso gli organi di tutela del consumatore. Trascorsi i termini, poi potrà rivolgersi all’Arbitro Bancario Finanziario tramite il portale on-line. La procedura non è delle più semplici, ma potrà fare tutto in autonomia. Comunque, la banca o la finanziaria con cui è in trattativa per la nuova cessione del quinto, ha già tutti gli elementi ed i punti di forza su cui fare leva per ottenere il conteggio estintivo in tempi brevi, ma forse hanno sottovalutato le Sue urgenze. Forse un preventivo presso un’altra finanziaria che prenda seriamente in considerazione le Sue esigenze potrebbe esserLe di aiuto.

      • Nicola

        Grazie, molto gentile. Per fortuna la cosa si è risolta nel frattempo finalmente.

  14. Buongiorno! Ho fatto un’estinzione di un prestito gestito da XXXXXXX verso la YYYYYYYYY banca.. il bonifico doveva essere fatto entro il mese di aprile e la nuova finanziaria lo ha fatto il giorno 29 Aprile con arrivo alla YYYYYYYY banca il 2 maggio!ora la vecchia finanziaria mi chiede gli interessi dei due giorni di ritardo o una mora da pagare? Cosa devo fare? La nuova finanziaria mi dice che hanno fatto le cose in regola e che vale la data di bonifico da loro eseguito…grazie cordiali saluti

    • Alessandro Lega

      La questione è senz’altro interessante. Dal mio punto di vista è chiaro che Lei come consumatore non ha nessuna responsabilità in questo ritardo e quindi non dovrebbe essere di Sua competenza il carico degli interessi per il tardivo pagamento, benché la titolarità del vecchio debito sia nominativamente la Sua in qualità di contraente della vecchia cessione.
      Ora c’è da capire chi si trova in errore tra le due finanziarie:

          Il bonifico è veramente arrivato in ritardo?
          La vecchia finanziaria aveva specificato la data della Valuta Fissa al Beneficiario del bonifico di estinzione?
          La nuova finanziaria era a conoscenza delle scadenze e della data di estinzione come indicato dalla vecchia Finanziaria?

      Dopo aver risposto a queste domande sarà necessario produrre la documentazione necessaria a provare chi era a conoscenza e di cosa era a conoscenza, in modo tale da escludere la Sua persona da una problematica in cui Lei non ha coinvolgimento.
      Dimostrando quindi alla vecchia finanziaria, che Lei ha correttamente inviato tutte le informazioni alla nuova finanziaria e che il tardivo pagamento è il risultato di una negligenza della nuova finanziaria, Lei potrà stare abbastanza tranquillo. In altre parole quello che conta è dimostrare con opportuna documentazione (fax, email, ricevute, lettere, …) che Lei si è premurato di ottemperare alle richieste della vecchia finanziaria. Tali documenti dovranno essere conservati per il futuro, in caso la vecchia finanziaria decida (cosa molto improbabile) di iniziare un’azione legale a recupero degli interessi maturati a seguito del tardivo pagamento.

      • Mauro

        La ringrazio moltissimo!! Provederó a recuperare tutta la domentazione

Lascia un commento